fbpx

BD_Brand Identity No Texture

BrewDog è un autentico “caso unico” nel panorama birrario Britannico e forse mondiale. Nato del 2007 da due fondatori allora poco più che ventisettenni, il birrificio ha praticamente decuplicato la sua dimensione negli anni, sino ad oggi.

Tratti distintivi di BrewDog sono le birre, tutte molto aromatiche e di ispirazione americana, la trasgressività e la voglia di oltrepassare i confini della tecnica birraria, un mix che ha generato alcuni tra i casi birrari europei degli ultimi anni, come l’iconica Punk Ipa, una delle birre alternative più diffuse e richieste in Italia. “Craft beer for the people”, è questo lo slogan del birrificio e la chiave di lettura del successo e della condotta altamente innovativa ed anticonformista che tutt’ora contraddistinguono BrewDog e le sue iniziative.

LE BIRRE

  • Indie Pale Ale, Pale Ale dal profilo fruttato con note di pera e banana, che presenta una buona struttura di malto caramello e note biscottate. Birra di grandissima bevibilità, Indie Ale è adatta a qualsiasi palato ed occasione.
  • Punk Ipa, Ipa bandiera del birrificio: di ispirazione americana, interamente prodotta con luppoli americani e neozelandesi, con intense note agrumate e tropicali, soprattutto pompelmo, frutto della passione e ananas all’olfatto. Al palato si conferma il piacevole carattere fruttato e un finale lungo e dissetante. Birra di grande impatto aromatico, ben bilanciata sul gioco di malti e luppoli.
  • Lost Lager Pils prodotta con ceppi di lievito proveniente da Weihenstephan in Bavaria; luppolata sia in whirpool che in dry hopping con la varietà tedesca Saphir che regala a questa birra note particolarmente fresche e citriche, di limone e lime. Leggera al palato dove è il malto a fare da padrone con sentori di crosta di pane ben bilanciati dalla luppolatura, responsabile di un tocco erbaceo e piacevolmente speziato in chiusura.
  • Clockwork Tangerine, Session Ipa prodotta con aggiunta di mandarino che interviene sul profilo aromatico sia all’olfatto che al gusto in cui si esprime accanto a note dolci di malto che la rendono particolarmente morbida. In chiusura emerge la luppolatura, su toni resinosi e piacevolmente erbacei che rendono la bevuta particolarmente fresca e pulita.
  • Vagabond, Pale Ale deglutinata tramite l’utilizzo di enzimi giocata su toni agrumati con una piacevole vena cerealicola dolce.Di buona bevibilità propone una bella pulizia in chiusura. Birra vincitrice della sfida Prototype 2014.